Dizionario del vino - Lettera B

Glossario enologico - Lettera B

Barbatella

tralcio di vite appositamente trattato per dare vita ad una nuova pianta, il termine è generalmente riferito ad una pianta formata da un porta innesti (vitigno americano) e da una parte superiore che è il vitigno desiderato.

Barricato

si dice di un vino maturato in barrique, che grazie all’ottimale rapporto tra superficie e quantità di liquido contenuto subisce un’evoluzione e un invecchiamento più rapidi. L’invecchiamento in barrique permette al vino di avere un gusto specifico poiché l’ossigeno che penetra dai pori del legno svolge un’attività di ossidazione e il legno, inoltre, cede diversi composti aromatici. Questi due processi rendono il vino ancora più pregiato e ne aumentano l’intensità cromatica rispetto ai vini invecchiati in un altra maniera.

Barrique

tipica botte della regione di Bordeaux, la cui capacità varia di zona in zona. Nel Bordolese la quantità è 225 litri.

Bodegas

Cantine spagnole dove vengono prodotti i vini Jerez e Manzanilla.

Bordolese

Bottiglia di forma cilindrica che richiama quella originariamente usata nella zona di bordeaux.

Borgognona

Bottiglia originaria della Borgogna a forma conico cilindrica.

Botrytis Cinerea

fungo che provoca la muffa nobile nelle uve in fase di maturazione. Se questo fungo attacca le uve ancora acerbe, però, provoca la muffa grigia che invece danneggia il raccolto invece di dare vini raffinati.

Bouquet

il termine indica l’insieme delle sensazioni olfattive procurate da un vino.

Brillante

Si dice di un vino in cui l’assoluta limpidità in trasparenza produce una luminosità molto intensa.