Dizionario del vino - Lettera R

Glossario enologico - Lettera R

Rancio

Si dice di vini (Madera e Marsala) che, dopo un lungo invecchiamento in botti esposte al sole, hanno acquisito un sapore e un bouquet particolari

Raspo

È quel che resta del grappolo deracinato.

Razza

viene detto di un vino che possiede tutte le caratteristiche della terra d’origine e del suo vitigno e le porta con eleganza e personalità.

Rebèche

È l’ultima spremitura delle uve di champagne, non utilizzabile per la produzione i famosi vini francesi.

Refrigerazione

è quanto di meglio ci possa essere in una cantina per un vino appena fermentato. Con il freddo le fecce si depositano lentamente ed i tartrati in eccesso precipitano.

Rifermentazione

incidente che può verificarsi nell’elaborazione di vini bianchi liquorosi, il cui rilevante contenuto di zucchero può sempre ridare vita ad un processo fermentativo con conseguenze disastrose per il vino. Come stabilizzante si usa l’anidride solforosa in quantità regolamentata.

Rimontaggio

Operazione di cantina che consiste nel riversare il mosto dal basso all’alto nella vasca di fermentazione per garantire omogeneità di evoluzione del processo.

Riscaldamento del mosto

Una buona fermentazione avviene tra i 22°C e i 30°C. Al di sotto dei i 22°C gli enzimi lavorano troppo lentamente o restano addirittura inattivi, per cui, nelle zone con inverni precoci e freddi, si riscalda il mosto tramite radiatori ad acqua calda. Al di sopra della temperatura di 30°C, gli enzimi lavorano male e il vino può restarne alterato. In questo caso si applica la refrigerazione del mosto.

Riserva

Indica una partita di vino selezionata e particolarmente pregiata.

Robusto

vino di buon corpo, possente che si impone con energia ed autorevolezza. Può anche essere detto vigoroso o solido.

Rotondità

qualità che rende solitamente molto gradevole un vino, che è caratterizzato da una buona alcolicità, un elevato tenore di glicerina e un’acidità non troppo pronunciata.