Dizionario del vino

Glossario enologico - Termini selezionati

Archetti

fenomeno provocato dal vino ad alto contenuto di glicerina. Lo si osserva facendo roteare lentamente in un bicchiere il vino prima di degustarlo. Un vino ricco di glicerina scorre molto lentamente sulle pareti del bicchiere formando una fitta serie di archetti.

Barbatella

tralcio di vite appositamente trattato per dare vita ad una nuova pianta, il termine è generalmente riferito ad una pianta formata da un porta innesti (vitigno americano) e da una parte superiore che è il vitigno desiderato.

Colore

è uno dei primi elementi di valutazione delle qualità del vino. La prima distinzione classifica i vini in rossi, bianchi e rosati. Poi si passa alle diverse tonalità dei bianchi che vanno dal giallo scarico di alcuni vini siciliani o degli spumanti di qualità, al giallo paglierino con riflessi verdolini tipico dei bianchi giovani, per arrivare al giallo dorato fino all’ambrato caratteristico di certi vini passiti. Anche la gamma dei rossi e dei rosati è molto varia con sfumature che danno sempre indicazioni interessanti sullo stato del vino come il porpora dei novelli indice di giovinezza del vino, al rubino fino al granato con eventuali riflessi aranciati, indice di invecchiamento.

Damigiana

Vaso vinario in vetro di varia capacità, in genere non superiore a 50 litri. Questo recipiente è utilizzato principalmente per il trasporto del vino destinato al consumo quotidiano e non per il vino da conservare.

Etereo

Termine che indica, all’esame olfattivo, una caratteristica del bouquet di certi vini invecchiati.

Fiore

è quel velo spesso che si forma sulla superficie delle botti per la presenza di particolari lieviti. I vini da fiore godono di buona fama, restano 6 anni a maturare sotto il loro fiore senza che il fusto venga ricolmato, maturando così un bouquet decisamente originale. Vini di questo tipo sono lo Jerez o Sherry in Spagna, e vini dello Jura in Francia detti Vin Jaune.

Grigio

È un vino blandamente rosato che si ottiene vinificando le uve rosse allo stesso modo delle bianche.

Inebriante

vino che dà alla testa in modo rapido e insolito. Va prestata attenzione nel sorbire questo genere di vini e usare ancora di più il buon senso bevendone in modo responsabile.

Liquoroso

Si dice di un vino che mantiene la maggior parte dello zucchero naturale a causa dell’aggiunta di alcol nel mosto con il conseguente arresto della fermentazione alcolica.

Mannite

malattia del vino che si manifesta con maggiore frequenza nelle regioni vinicole più settentrionali. I batteri prendono il sopravvento sugli enzimi per il troppo caldo e il vino al contempo risulta di sapore acido e dolciastro.