Il Barolo Brunella di Boroli

Nasce un nuovo CRU di Barolo in casa Boroli

Per Achille Boroli non è solo come aver scoperto il Santo Graal. È come averlo scoperto nelle proprie terre.

Nel mezzo delle Langhe, a Castiglione Falletto, è nato – o meglio, è stato scoperto – un nuovo cru di Barolo. Si chiama Brunella, e prende il nome dalla Cascina Boroli e dalla Menzione Geografica aggiuntiva del Barolo. Verrà presentato nella Cantina Malherbes, già distributrice di vini Europei, a Bordeaux.

Il vitigno, esclusiva di Boroli, è coltivato su un’area di 2,7 ha, esposto a sud sud-est e a ovest verso la cima della collina di Villero. Ne risulta un vino Barolo morbido, setoso e seducente sulla cui bottiglia troneggia un’etichetta nera con fregi d’oro.

Achille Boroli lo racconta così:

«Brunella, fino al 2010, non era considerato un cru. Le uve venivano assemblate per il Barolo Classico, poi ho cercato negli archivi le prove che questa fosse una zona pregiata e, in un documento del 1666 ho scoperto che veniva descritta come uno dei posti migliori per il vino. Nel 2013 abbiamo iniziato. Brunella è un vigneto storico ma finora non era mai apparso su un’etichetta di Barolo. Ne emerge un carattere fruttato che porta i segni della potenza della terra da cui nasce.»

Del Barolo Brunella delle cantine Boroli sono state prodotte 10.000 bottiglie. Ognuna costa 95,00 euro.

1 Luglio 2017
Terza edizione dello Stabia Wine Event a Castellammare di Stabia (NA)
5 Luglio 2017
Il vino Sangiovese DOCG Cartacanta a tavola con Obama e Trudeau
Written by:

Ciro Iodice Napodano Napoletano di nascita e cosmopolita d'adozione sono cresciuto nella cultura della buona tavola e dell'ottimo bere. Vino, birra belga e cocktail ricercati sono sulla mia tavola ogni giorno. Per lavoro, da oltre trent'anni, scrivo software e da più di venti mi occupo di siti Internet, visibilità e SEO. Per passione, da circa quindici anni, scrivo storie e novelle più o meno lunghe. Ho pubblicato cinque romanzi e mi sono innamorato perdutamente della scrittura creativa. Amo cucinare, mangiare, bere bene (e responsabilmente) a suon di rock, blues, funky e metal. Questo sito è uno dei miei amori più recenti.

Leave a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.